facebook
instagram
whatsapp
telegram

Cammino di Perfezione di S. Teresa di Gesù

16-09-2021 11:00

Fra Vincenzo

Totustuus_ocd,

Cammino di Perfezione di S. Teresa di Gesù

Cammino di Perfezione di S. Teresa di Gesù.Non lamentarsi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                      Spunti di riflessione a cura di Fra Vincenzo OCD

 

Meditazione n° 16

 

 

«Lamentarvi continuamente per ogni leggera sofferenza non mi par perfetto» (11, 1)

 

Quanto attuali sono queste parole di Santa Teresa in un mondo dove, togliendo quello che viviamo in questo momento storico da ormai un anno e mezzo, il “lamentarsi” delle sofferenze e delle croci è qualcosa che l’uomo fa all’ordine del giorno. Prima ogni occasione era buona per fingersi malati e farsi servire anche da chi era più malato di noi. La santa madre mette proprio in guardia da questo atteggiamento. Se si è veramente sofferenti allora chiediamo aiuto, e lasciamo che si eserciti su noi la carità; ma dobbiamo tenere sempre a mente «tanti poveri infermi che non hanno persona con cui lamentarsi» (11,3) e non avranno nessun aiuto, purtroppo. Cerchiamo, quindi, di soffrire qualcosa per amor di Dio e facciamolo senza suonare le campane per farci vedere, altrimenti riceveremo la nostra ricompensa dagli uomini e non da Dio (cfr Mt 6, 1ss). In questo capitolo si fa riferimento ai Padri che diedero vita alla vita carmelitana che soffrirono tanti dolori nella piena solitudine del Monte: «Freddo, fame, sole e arsura, tutto sopportarono senza aver persona, fuori di Dio, con cui potersi sollevare» (11,4) e non erano super uomini, ma essere umani come noi. Non dobbiamo temere nulla, nemmeno la morte, perché se ci abbandoniamo realmente e totalmente a Lui vivere o morire è uguale, in quanto ciò che è veramente importante è essere nella Sua Santa Volontà. Solo così ci accorgeremo che tutte le nostre croci saranno più facili da "vivere" perché le porteremo con Lui e ne proveremo tanta pace.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder